Fanfarlo

Fanfarlo

ROOMS FILLED WITH LIGHT
Atlantic/Warner

L’esordio "Reservoir", nel 2009, aveva candidato i Fanfarlo a possibili eredi (eh, sì… oggi si vive molto in fretta) degli Arcade Fire, già modello stilistico per le nuove generazioni. Sarà principalmente perché il quintetto londinese mescola pop, rock e folk con efficaci intrecci vocali e una strumentazione a dir poco ricca: caratteristiche abbastanza diffuse, ma a contare è come le si maneggia. Le buone potenzialità si sono ora tradotte in dodici brani che si accendono come tante lampadine, come di pari passo si accendono le idee. "Rooms Filled With Light", infatti, è un deciso passo avanti, sia per quanto riguarda una qualità di songwriting superiore alla media, sia per merito di arrangiamenti curatissimi e mai uguali a se stessi. È proprio la varietà del tutto, senza sacrifici in termini di immediatezza e ganci melodici a sorprendere ampiamente in positivo.
Si va dalle eleganti orchestrazioni di "Replicate", dove il frontman Simon Balthazar vanta un pathos alla Patrick Wolf, alla new wave di "Deconstruction", che opta per un improbabile mix di Cure e Talking Heads prima di avvitarsi su note di pianoforte. Fiati, percussioni e linee sintetiche trainano le briose marcette "LensLife" e "Tunguska" (in quest’ultimo caso immaginate gli Smiths ibridati coi Beirut), mentre la policromia lascia posto a una maggior cupezza con "Shiny Things" - partenza da crooner, sviluppo moderno e ritmato - ed "Everything Turns", intermezzo strumentale tra sperimentazione e retrogusto alla These New Puritans. Le radici brit affiorano in "Tightrope", con ritornello killer e fischiettii disneyani, oppure in "Feathers", che in quanto a nuance esotiche rammenta i migliori Guillemots. Il lirismo sospinto dagli archi di "Bones", che sfuma con pulsanti battiti elettronici, e "A Flood", che sfrutta l’alternanza tra canto maschile e femminile, è da far schiattare d’invidia i Coldplay. Non si dovrebbe in sede di recensione elencare quasi tutte le tracce in scaletta? Non si dovrebbe, ma se succede un motivo ci sarà. Eureka!

Elena Raugei / ****

Tratto dal Mucchio n°693


 Vota questo disco   Il voto medio è: 3 (2239 voti)


stampa questa pagina
Da LampedusaPrimo piano
 Da Lampedusa
FanfarloIl disco
 Fanfarlo
 Gli ultimi dischi 

Nive Nielsen & The Deer Children
08 maggio 2012

Alex Winston
08 maggio 2012

Wallis Bird
08 maggio 2012

Sea of Bees
08 maggio 2012

Les Momies de Palerme
08 maggio 2012

Macy Gray
08 maggio 2012

Luca Faggella & Giorgio Baldi
08 maggio 2012

Blood Red Shoes
08 maggio 2012

Mayer Hawthorne
08 maggio 2012

School of Seven Bells
08 maggio 2012


Archivio Tutto l'archivio